"Non ho mai amato così, non ho mai amato nessuno quanto odio te."
Bukowski  (via sechiudogliocchinoncisei)
"e chi ha bisogno di Parigi quando può avere un abbraccio?"
scrivimi ancora
Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com Designer Javier Perez | Posted by devidsketchbook.com
"Ma la sapete una cosa? E’ colpa mia. Sono io che divento triste all’improvviso, sono io che immagino le cose sbagliate e provo le cose sbagliate e dico le cose sbagliate e poi ci rimango di merda. Sono io, è colpa mia. Colpa mia. Colpa mia se sto così, se mi sento uno schifo. Solo colpa mia."
"Non fidarti di chi ti dice “ho finito la nutella”.
La verità è che se la vuole mangiare senza di te."
Voglio andarmene. (via voglio-andarmene)

SBAM

(via ilmostrosottolecoperte)
rinasceredame:

leben—lieben:

cosanesaradinoi:

Dedicato a teeeeee!

Ora non ti rivedo più.Aaah che bella coooosssaa.
63
Anonimo asked:
Il mio è: "se la vita ti volta le spalle, tu toccale il culo".

lamoretisbranacongliocchidolci:

no vabbè è stupenda hahahah.

spero solo che lei ti faccia stare meglio di come ti abbia fatto stare io, spero che le sue lentiggini ti ricordino le mie, spero che andrai a vedere le sue partite di pallavolo e penserai un po a me, spero che quando ti farà vedere un suo disegno ci troverai un po della mia mano, spero che al suo compleanno ti ricorderai che coincide con il mio e penserai al regalo giusto per me, spero che sia migliore di me, un po meno orgogliosa, che ti dimostri l’amore che prova per te, che ti faccia tanti regali, che ti dica che ti ama, che non ti metta mai a disagio, che non gridi il tuo nome quando é dall’altra parte della strada per salutarti, che non ti obblighi a vedere i cartoni, che giochi meglio di me alla play cosi che tu ti possa divertire e non vincere 13-0, che faccia tante foto con te, che non si vergogni di presentarti ai tuoi il primo giorno, che ti porti al mare, che abbia una sorpresa per te ogni mese, che non sia gelosa quanto me, che ti scriva dopo una litigata, che abbia sempre tempo per te, che non abbia tutti i miei problemi, che non ti metta da parte per finire di leggere il capitolo, che sia più puntuale, che non ti porti con te a fare la spesa, che sia meno fredda e che ti faccia tanti cuori, che invece di scriverti mille parole ti scriva solo ti amo così che tu sappia cosa rispondere senza scervellarti, spero che quando andrete in discoteca ballerete tanto e che non stia come me seduta al tavolino, spero che non perda tanti capelli quanto me e che non voglia andare al mercato il mercoledi, spero che abbia le sopracciglia senpre fatte e che non si vesti mai ‘come capita’, spero che non guardi il tuo accesso di whatsapp per vedere quando ti connetti e spero che sia lei a fare il primo passo. spero che ti faccia divertire più di quanto lo faccia io, spero che non la porterai sulla nostra panchina, su una qualsiasi ma non su quella, spero che al bar cambierai tavolo e che non spenderai più 5.10€ ogni domenica mattina. spero sia più generosa di me, spero non ti prenda per il culo, spero che ascolti la tua stessa musica anche se so che non è cosi, lei ascolta reggae come me, spero che in babaman sentirai un po della mia voce e in alborosie i miei versi strani. spero non le regalerai i giochini dell’esselunga, spero che a San Valentino e Natale tu gli faccia regali diversi dai miei, spero abbiate sempre qualcosa da dire e mai uno di quei momenti di silenzio che avevamo noi, spero non si addormenti mai il sabato sera sul tuo divano prima di uscire,spero che tu nin gli permetta di farti la barba, spero che non ti tocchi i capelli per darti fastidio, o almeno che quando ti scompiglierà tutto penserai un po a me, alla cera che ti mettevo in testa dopo il riposino, spero non prometta mille cose che non può mantenere, spero che andrete al mare, al lago e in montagna, spero che vi terrete per mano e che vi abbraciate tanto ma ti prego, non farle annusare le tue ascelle come facevi con me, quando fumerete fatelo sull’altro balcone, usate un posacenere diverso, almeno lei, non farle pestare il mignolino del piede nel solito posto, non darle le mie ciabatte, non toglierti la collana della felicità, non dirle per sempre, non guardate ‘alla ricerca di nemo’ e nemmeno ‘phineas & ferb’, non giocate a gta fermandovi ai semafori, non fate barcellona contro la squadra con una stellina di cui non mi ricordo nemmeno il nome a fifa, non bevete il the tutti i pomeriggi o almeno fallo di una marca differente, mettici tanto zucchero e tanto limone, non fargli l’hamburger con la sottiletta sciolta il sabato a pranzo, non mandargli gli auguri a mezzotte e zero uno del vostro mesiversario, non farle i cuori viola, sono solo miei, non fantasticate sui vostri figli chiamandoli gabriel e tiffany, non mettete troppo sale nel risotto, non mangiate le brioches senza glutine, non pulite le pentole insieme e non permetterle di giocare con la palla di gomma, non farle conoscere il pesciolino rosso e non farla giocare in giardino con le palle bucate dell’asilo, non farle fare le cose che facevi fare a me, lasciami un po’ dello speciale che ho. ti auguro una storia bellissima ma ti prego, quando vai in bagno ricordati della piastra e del phon, ricordati del tanga che ti ho obbligato a mettere, ricordati del tubino di tua mamma rubato, della ceretta sulla pancia,ricordati di dirmi che dopo anna deve chiamare mia mamma, ricordati che dobbiamo andare al deposito e poi a prendere il pane, ricordati di passare l’aspirapolvere e di annaffiare prima che torni la mamma, ricordati di andare giù in palestra a fare i 10 piegamenti che ti obbligavo a fare in 3 secondi, ricordati delle scarpe del globo, ricordati della televisione lasciata accesa per i ladri, ricordati del cancello, ricordati dello snowboard che ti devo insegnare, ricordati dei post-it che mi riempiono la camera e dei video fatti di nascosto, ricordati dei lego e della lotta, dell’altalena e della piscina di palline, ricordati dei viaggi e dei baci, delle carezze e degli insulti, ricordato di me, di noi, ricordati dei peluche, ricordati del telefono scarico e delle discussioni, ricordati della noia e del divertimento, ricordati dei miei occhi, ricordati del tuo braccialetto, ricordati del mio profumo da uomo, ricordati che ti amo, che non ti ho mai detto di amarti ma che l’ho sempre fatto, spero che con lei passerai delle giornate migliori ma con sempre dentro un briciolo di me, ti prego, se non mi vuoi al tuo fianco, almeno portami dentro.

Anonimo asked:
Con quanti ragazzi l hai fatto?

arricciareilnaso:

Perché, il suddetto numero cambierebbe la percezione moralmente intesa che il mondo ha di me? Se ti dicessi 97 il numero 97 avrebbe il potere di cambiarmi come persona e come donna (perchè fossi un uomo mi daresti una pacca sulla spalla)? E se invece ti dicessi 1 l’1 in questione proverebbe una mia qualche integrità d’animo e capacità di stare al mondo? Fatemi un favore, questi discorsi lasciano il tempo che trovano, e lo sapete benissimo. Chiedetemi piuttosto a quante persone ho voluto bene, o quante persone mi hanno amata, che questo sì che ti cambia. Eccome se ti cambia. Siete così dannatamente ottusi, voi e questo nostro mondo in cui a contare son la grana e le scopate, e tutte le stronzate grossolane e misere che chi decide cos’è importante e cosa no vi propina e che voi puntualmente vi bevete. Questa per me non è nemmeno una domanda. Non mi azzarderei a porla nemmeno alla persona più ritardata del pianeta. Non vedo a cosa potrebbe servirti lo sterile numero che ti proporrei, e non vedo quale interesse una persona dovrebbe mai avere in esso. Ti dico 8 o 36 o quattromila o ventordici o ottantasedici o -centosette o che a cena ho mangiato carote o che a volte mi capita pure di fare sogni erotici sul macellaio, CHE DIFFERENZA FA? Per te sono una sconosciuta, e il sapere quanto e con chi trombo non mi renderà qualcosa più che una sconosciuta, solo una sconosciuta con un’etichetta e un grado sulla scala del pudore da “suora carmelitana” a “donnaccia” che qualcuno ti ha saggiamente insegnato, o sbaglio? Che poi magari sono una porcella io e ho frainteso la tua domanda, che invece voleva essere il criptico incipit di un dialogo socratico (no?). Fatto cosa? Lo stretto di Gibilterra in barca a vela? La marmellata di fragole? Il blue tornado?